Città in Bici

Categorie

A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Bimbimbici, il giorno dopo

Arezzo, 12 maggio 2015 – Bimbimbici® 10 maggio 2015. Il racconto di una giornata all’insegna del divertimento e dello sport.

Strade sicure per i bambini nei percorsi casa scuola, via le auto davanti alle scuole, bicibus-pedibus per una mobilità smart e sostenibile; prima o poi ci arriveremo, prima o poi la grande partecipazione che tutti gli anni si registra, darà i suoi frutti. Gli Amici della Bici sono pazienti e tenaci e sanno che i risultati un giorno ci saranno e sarà un bel giorno. Dopo una lunga preparazione che inizia i sordina a gennaio e prosegue, via via più intensa e concitata, la manifestazione di Bimbimbici, esplode come un fuoco d’artificio.

I bambini ed i genitori, iniziano ad arrivare già verso le 9, quando ancora siamo tutti apprestando i tavoli con il materiale; la fontanella dell’acqua con i bicchieri in mater-bi, le ultime bottiglie di acquainbrocca, le cassette di mele (non trattate a Km zero), la postazione del meccanico tenuta dall’ottimo Alfeo Tralci, il tavolo degli amici della UISP (che da ormai tre anni ci affianca con bicincittà), gli scatoloni dei cappellini, le bandierine ed il materiale della festa dell’Europa, le magliette degli anni scorsi da “smaltire”, la postazione per il tesseramento FIAB, la postazione della pompa (richiestissima), l’amplificatore per gli annunci ecc…, insomma, il parco Ducci pare un alveare in piena attività. Quest’anno il Kiwanis club di Arezzo (che peraltro ci ha sempre dato una mano fin dalla prima edizione), ha deciso di partecipare con un proprio stand e questo ci fa molto piacere.

Arriva la staffetta della Polizia Municipale, con la novità di una pattuglia in bicicletta. La Croce Rossa, assicura la assistenza, con un drappello di volontari ciclisti. C’è anche la macchia verde dei lupetti del CNGEI di Arezzo. I bambini fanno ressa al cancello e già occupano anche tutta la carreggiata di via C.A. Dalla Chiesa. Sono le 10 passate, con la ciclo-Ispettrice che ha la responsabilità della staffetta, si decide di partire. La giornata è soleggiata e calda, il serpentone di biciclette scampanellanti si mette in moto. Come sempre la professionalità della Polizia Municipale ha la meglio sul traffico, che viene fermato agli incroci e alle rotatorie. Si pedala in tutta sicurezza; gli Amici della Bici, con i loro giubbini gialli alta visibilità, formano una linea che contiene a stento la “irruenza” di bambini, lieti per un giorno di andar per strada in relativa libertà. Nel gruppo ci sono tanti bambini figli di immigrati, si vedono volti di tutti i colori ed è proprio bello.

Ogni tanto ci si ferma per raggrupparsi. Si passa vicino ai banchini del CALCIT (il mercatino dei ragazzi che è affollatissimo), molti accorrono a salutarci ed il saluto è reciproco. In coda c’è qualche problema con il traffico delle auto, che mal sopportano la gran massa di ciclisti, ma se ne devono fare una ragione. Nei sottopassi di via Arno e di via Vittorio Veneto, si invita a tenere le mani sui freni e a rallentare. Le ultime centinaia di metri vengono percorse in modo più sostenuto. All’arrivo ci sono molti genitori immigrati che accolgono i loro bimbi con un grido di gioia. La giornata è proprio calda, vengono presi di assalto le cassette di mele ed il fontanello di Nuove Acque, davvero provvidenziale. Si esauriscono in poco tempo le bottiglie di acquainbrocca, ci si serve più o meno correttamente dei bidoni per la raccolta differenziata, ma almeno ci si prova e qualcuno chiede lumi.

Vengono distribuiti anche i “rifornimenti” giunti dalla COOP, viene dato fondo ai gadget e altro materiale. Piano piano i bambini ed i loro genitori se ne vanno, speriamo che il seme della mobilità ciclistica possa germogliare, ed in ogni caso noi della FIAB ci si prova sempre. Si inizia a rassettare il materiale, i tavoli vengono caricati sul furgone del Sarri, i rifiuti sono raggruppati per tipologia, si carica tutto il materiale avanzato, buono per le prossime iniziative. Passato il tocco è tutto a posto e nel parco Ducci, pare che non ci sia passato nessuno”.

Enrico Valentini FIAB Arezzo Amici della Bici (responsabile locale di Bimbimbici®)

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.